Archivio delle notizie

Pubblicata il 03/03/2020

E' attivo il Portale Nazionale degli avvelenamenti Dolosi degli Animali, che consente la gestione informatizzata dei casi di sospetto avvelenamento, denunciati ai sensi della normativa vigente. In allegato la nota del Presidente OMV di Siracusa Dott. Raimondo Gissara.

Ordinanza Avvelenamenti.doc
Pubblicata il 03/03/2020

L'Ordine nell'ambito dei propri fini istituzionali, è interessato a favorire i propri iscritti nell'acquisto di beni e servizi tra i quali l'assicurazione professionale. Si riporta in allegato il preventivo in convenzione.

CONVENZIONE ORDINE ITALIANA ASSICURAZIONI _000288.pdf
Pubblicata il 19/02/2018


FNOVI: Gaetano Penocchio riconfermato Presidente
16/02/2018

Le votazioni per il rinnovo dei vertici Federazione Nazionale degli Ordini dei medici Veterinari Italiani si sono concluse: l'Assemblea dei Presidenti degli Ordini provinciali dei medici Veterinari ha espresso un larghissimo consenso al Presidente Gaetano Penocchio, che ha ricevuto il 94 % dei voti disponibili, risultando il più votato.
Nel pomeriggio di oggi 16 febbraio c.a., i neo Consiglieri eletti - convocati per la prima volta presso la sede della Federazione - hanno decretato all’unanimità la volontà di riconfermarlo alla Presidenza della FNOVI.
La sua vittoria è stata nettissima e la sua squadra è stata riconfermata per il triennio 2018-2020, con l'ingresso di un solo nuovo Consigliere, il neo Presidente dell'Ordine dei Medici Veterinari di Roma.
L’Ufficio di Presidenza si è insediato riconfermando inoltre la Vicepresidenza a Carla Bernasconi l’incarico di Tesoriere ad Antonio Limone e le funzioni di Segretario a Raimondo Gissara.
Gli altri Consiglieri sono Barzon Lamberto, Bossù Teresa, Buono Vincenzo, Cammi Medardo, Loretti Enrico, Mulas Daniela, Pierbattisti Cesare, Re Giovanni e Ros Eriberta.
Il risultato delle votazioni parla da sé: i Presidenti provinciali hanno composto un Comitato Centrale che rappresenta la continuità dell’azione intrapresa e che verrà portata avanti nel futuro.
Come illustrato anche in occasione del suo intervento ai lavori del Consiglio Nazionale, il Presidente Penocchio ha commentato che “si va aprendo un mandato fitto di impegni istituzionali, molti dei quali sono già fissati da scadenze imperative. Non servono quindi manifesti, né declaratorie programmatiche, perché l'agenda del Comitato Centrale del triennio 2018-2020 è già stata dettata. All'ordine del giorno del prossimo mandato ci sono adempimenti di legge che questa FNOVI ha in gran parte concorso a determinare, facendosi parte attiva di processi che troveranno il loro compimento nei prossimi mesi”.
Buon lavoro Presidente.
In pari data si è riunito il Collegio dei Revisori dei Conti che ha eletto il Presidente e che risulta, dunque, così composto: Monica PELATI (Presidente), Roberto CAMAIANI (Revisore effettivo), Luigi NAVAS (Revisore effettivo) e Giovanni TEL (Revisore supplente).
Fonte:
Ufficio stampa FNOVI

Pubblicata il 19/02/2018

Accolto con unanimità dei consensi la relazione che il Presidente Gaetano Penocchio ha esposto all’assise dei Presidenti Provinciali degli Ordini dei medici veterinari convocati a Roma per i lavori del Consiglio Nazionale FNOVI. Un appuntamento legato alle operazioni elettorali per il rinnovo dei vertici dell’organismo ordinistico apicale: votazioni che sono ancora in corso e che si concluderanno nella mattinata di lunedì 12 febbraio, quando si darà inizio alle operazioni di scrutinio.
L’intervento di Penocchio, che da sempre si caratterizza per l’essere accompagnato dalla proiezione di immagini di grande empatia (in questa occasione erano fotografie di Oliviero Toscani), si è sviluppato intorno al termine 'continuità': espressione che proprio non si addice al momento. “L'eredità del triennio concluso porta infatti con sé autentici, e grandi, cambiamenti, alcuni molto attesi e altri da non subire. Tutti richiedono preparazione ad ogni livello” ha dichiarato il Presidente FNOVI.
“Il prossimo mandato si preannuncia fra i più impegnativi della storia recente dell'ordinamento veterinario”.

Il suo intervento ha inevitabilmente preso avvio commentando la pubblicazione in GU della Legge 11 gennaio 2018, n. 3 (Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché' disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della Salute), meglio nota con il nome del Ministro della Salute, che, con l'articolo 4, interviene sul riordino della disciplina degli Ordini delle professioni sanitarie. “Si è persa l’occasione, dopo 70 anni e dopo una discussione quasi ventennale, di approvare una legge di vera riforma – ha commentato Penocchio – una occasione perduta, si sarebbe potuto prevedere un moderno sistema di accreditamento professionale che manca nel nostro ordinamento e di cui ci sarebbe un gran bisogno”.
Salutato invece con soddisfazione la pubblicazione in GU del decreto che completa il sistema di reti di epidemio-sorveglianza e istituisce la figura del veterinario aziendale. Gaetano Penocchio ha sottolineato come, per la prima volta in Europa, l’Italia sarà in grado di coniugare produzioni e salute su basi tecnologicamente avanzate, sfruttando sistemi informativi e le banche dati digitali dalle anagrafi zootecniche e del medicinale veterinario. Ha quindi sottolineato che la FNOVI, a cui è demandata la tenuta dell’elenco speciale dei veterinari aziendali, “non si limiterà a registrare nominativi, ma sovrintenderà allo sviluppo di nuove prerogative, responsabilità e valorizzazioni del medico veterinario presso gli OSA e fino al consumatore finale”.
Ma nel corso del suo intervento tante altre le problematiche affrontate: il rapporto inevitabilmente impegnativo tra il mondo del lavoro e l’universo accademico (“servono regole certe che non lascino spazio al potere soggettivo, va restituita la fiducia nel futuro e nel valore della cultura”); la crisi che sta conoscendo il SSN, che sta vivendo “il paradosso di una programmazione sanitaria sganciata da quella finanziaria”.
Un cenno anche alla ricetta elettronica che per Penocchio offrirà l’occasione per valorizzare “l’impegno per una professione consapevole e avanzata”.
Penocchio ha inoltre condiviso con i presenti un’analisi del mercato del lavoro, invitandoli a riflettere sulla circostanza che le professioni stanno vivendo “una stagione difficile e il ribasso sembra diventato la filosofia dominante, se non un modello di business”. Per il Presidente va difeso il primato del professionista: “le nuove norme sulla concorrenza non ce lo garantiscono a priori? Promuoviamo noi l’aggregazione di professionisti, la creazione di una massa critica che possa competere con le società di capitali, non mancano né le capacità né una visione condivisa”.
“Non siamo contrari a una veterinaria che possa contare su redditività e stabilità economica, e non potrebbe essere diversamente, ma siamo contrari a una veterinaria che diventa un supermercato della salute per inseguire questi obiettivi” ha quindi dichiarato.
Un lunghissimo applauso che ha accompagnato queste parole ha sancito la totale condivisione dei presenti per le parole di Penocchio.
Fonte:
Ufficio stampa FNOVI

relazione Presidente Fnovi.pdf